Tutto quello che devi sapere e che nessuno mai ti dirà sul tuo abbigliamento durante un colloquio di lavoro: se vuoi essere uno o una fra i tanti allora fai come fanno tutti, ma se vuoi emergere non farlo!
Quale abbigliamento al colloquio di lavoro per emergere dalla massa?
Se cerchi su internet, se chiedi ad amici, parenti, colleghi, tutti ti diranno che l’abbigliamento da tenere per un colloquio di lavoro è elegante sobrio, quasi stereotipato. E allora vedrai file di ragazzi in giacca e cravatta e file di ragazze vestite da perfetta segretaria, magari con l’occhiale da vista intonato, acquistato per l’occorrenza, cioè da usare solo per il colloquio di lavoro…
SBAGLIATO.
Quando decidi quale abbigliamento indosserai l’indomani del tuo colloquio di lavoro, devi avere creatività, e devi tenere a mente prima di tutto in quale tipo di azienda entrerai, per quale mansione hai presentato la candidatura e cosa vuoi ottenere.
Come stanno le cose?
Vedi, il concetto è che oltre ad avere i requisiti e presentarli correttamente (bla bla bla) devi essere “in tono” con l’azienda; devi entrare dalla porta e mimetizzarti con l’azienda, al punto che la tua presenza, percepita come “nuova”, come “estranea” la prima volta che ci metti piede, venga invece percepita come “abituale”, devi confonderti con i dipendenti. E’ inutile che vai in giacca e cravatta o da super model il giorno del colloquio, poi se ti prendono sappiamo tutti che non potrai mantenere questo stile tutti i giorni, sempre che non sia imposto dalla mansione…
Cosa puoi fare per emergere?
Quindi riassumendo sarebbe buona cosa fare una capatina in azienda prima di fare il colloquio e vedere come si vestono gli altri e quale stile predomini. Ricorda che devi essere sempre meno appariscente di chi ti seleziona o dei colleghi, anche di quelli della recepiton, perchè basta una sola battuta sul tuo abbigliamento tenuto nel colloquio di lavoro a volte per condizionare in negativo una selezione. Non dovrebbe essere così, ma spesso invece accade proprio questo nelle aziende medio piccole.
Semplicità ed essenzialità vanno bene?
Dovresti riuscire a trovare un capo di abbigliamento che sia fine, ma semplice allo stesso tempo. I colori devono essere tenui e complementari. Inoltre dovresti “obbligatoriamente” dotarti di un solo gadget particolare e curioso che distragga l’attenzione del selezionatore, e potrebbe fare al caso tuo un braccialetto, un anello, una spilla, un fermaglio per i capelli un paio di orecchini, una cintura, una borsa. Sia chiaro deve attirare l’attenzione ma non deve svelare il suo significato più intimo. Evita gadget con marche in evidenza, motti vari, forme equivoche ecc.
Mantieni la finezza, l’abbigliamento non deve avere scritte evidenti, quindi no a felpe con i numeri, a marche scritte a caratteri cubitali e via discorrendo. E’ concesso il piercing al naso  se molto piccolo su una narice, ma sconsigliato fortemente il piercing ad anelli ovunque sia collocato. Evitate la pancia scoperta e la minigonna. Gli uomini devono evitare i pantaloncini corti, i sandali, le ciabatte e simili… Sempre per gli uomini è bene evitare cravatte con vignette o con simboli particolari, meglio una bella cravatta a pallini.
Ed i capelli come devono stare?
Per l’uomo i capelli dovrebbero essere corti o ben curati, sono sconsigliati i capelli lunghi ed i codini, come anche le code di cavallo. Per la donna invece si consiglia di raccogliere i capelli. Cio’ che si deve comunicare al colloquio è ordine, controllo del proprio corpo e sobrietà.
Un esempio concreto di abbigliamento femminile al colloquio
Un abbigliamento consono ed universale per una donna che si reca ad un colloquio di lavoro e che non voglia perdere tempo in analisi del target ogni volta, potrebbe essere una gonna sopra il ginocchio di colore grigio chiaro (ma non troppo) ed una camicia a maniche lunghe rosa tendente al bianco. Se c’è caldo non occorre la giacca che deve comunque essere in tono con la gonna. Una catenina molto semplice al collo è sempre ben accetta e dovrebbe essere dello stesso colore del braccialetto. I capelli castani, sono perfetti per armonizzarsi con i colori tenui. Ovviamente gli orecchini dovrebbero essere in stile con la collanina ed il braccialetto, il tutto molto sottile e semplice.
L’apertura del collo della camicia dovrebbe essere largo quel tanto da mostrare la gola ed il primo pezzo di sterno, ma sono da evitare le scollature, sempre. Evitare l’anello al pollice e su altre dita che non rappresentino matrimonio o fidanzamento. Se si è single evitare ogni tipo di anello. In un polso si colloca l’orologio a lancette, che dovrebbe essere possibilmente dello stesso colore o materiale della collana, degli orecchini e del bracciale. Il bracciale dal canto suo, dovrebbe stare sul polso opposto a dove si trova l’orologio. I tacchi sarebbero consigliati solo fino a 7 centimetri, e non dovrebbero fare rumore quando si attraversa l’azienda, perchè attirare l’attenzione con il “rumore” non è buona cosa il giorno del colloquio. Se si mostrano i piedi lo smalto migliore per le unghie è quello trasparente, stessa cosa per le unghie delle mani, che dovrebbero essere appena sporgenti, ma di poco e con smalto trasparente.
Essenzialità significa che ogni cosa ha una sua funzione, e non ci sono doppioni. Ogni classe di oggetti dovrebbe essere armonizzata. 
Un esempio concreto di abbigliamento maschile al colloquio
Un abbigliamento consono ed universale per un uomo che si reca ad un colloquio di lavoro e che non voglia perdere tempo in analisi del target ogni volta, potrebbe essere un paio di pantaloni dal colore tenue, in genere marroncino chiaro o scuro, oppure grigio chiaro (ma non troppo), con cintura fine dalla fibia sottile e poco evidente. Una camicia a maniche lunghe generalmente azzurro chiaro ed una giacca in tono con i pantaloni. Spesso un completo vellutato si presenta molto bene. Se l’azienda dove vai a fare il colloquio di lavoro è di “produzione” e non concorri per un posto da dirigente, è preferibile un maglioncino tenue di marca alla giacca. La cravatta è da evitare se non obbligati a metterla dalla posizione lavorativa a cui si aspira.
Il completo giacca e cravatta è più incline a sottolineare il dire che il fare, mentre il maglioncino sottolinea molto bene che si è abituati a fare. Il capello lungo (e per lungo intendiamo dalle spalle in giù) come anche le code per gli uomini non sono il massimo in un colloquio di lavoro, mentre il capello corto è sempre ben visto. Anche per gli uomini, il bracciale si mette su un polso e l’orologio sull’altro. L’unico anello che è consigliato mettere è quello matrimoniale o di fidanzamento. Il tris formato da bracciale, orologio e anello (magari tutti dello stesso colore e materiale) offre un’immagine di forte stabilità. Devono essere oggetti semplici e fini, non patacche. E’ sempre preferibile l’orologio analogico (quello con le lancette) rispetto a quello con il display digitale. Le scarpe è bene che siano marron e possibilmente con la punta arrotondata. Evita le spille e gli anelli che non siano una fede, perché non devi rappresentare nessun altro oltre te stesso. Rappresentare te stesso è la cosa più difficile, ma anche l’unica cosa che devi fare.
NOTA MOLTO BENE
Sia ben chiaro a tutti i lettori che questi consigli sono frutto di esperienza e di conversazioni con colleghi e con recuiters per cui non sono “oro colato” per usare un termine comprensibile a tutti. Sono consigli sull’abbigliamento da tenere al colloquio di lavoro, che nella maggior parte dei casi vi permetteranno di attirare l’attenzione del selezionatore su  quello che dite e sulle vostre effettive capacità, senza che il vostro abbigliamento vi tradisca irrimediabilmente. Per cui si declina ogni responsabilità su come vengono utilizzati questi consigli :-)). Anzi se volete apportare il vostro contributo e la vostra esperienza a questo articolo sarebbe una bella cosa…
Altra cosa molto importante è che nel vostro abbigliamento dovete sentirvi a vostro agio, non deve tirare, non deve pizzicare, non deve essere stretto, e nemmeno troppo largo. Dovreste indossare vestiti che dimenticate di avere, perché se non siete a proprio agio con il vostro abbigliamento, ciò ostacolerà il vostro colloquio di lavoro, vi farà sentire agitati, inadatti, di cattivo umore e condizionerà inconsciamente l’esito della vostra fatica.